Dischi Featured

Crocodiles – Endless Flowers

Crocodiles-Endless-Flowers-608x608Cosa sia successo ai Crocodiles è presto detto; lo rivelano loro stessi, senza troppa sorpresa: “no more black clouds hangin’ around…”.

O se non è così poco ci manca, perché con questo Endless Flowers virano decisi  verso una solarità sconosciuta.

Intendiamoci, mica sono diventati in un colpo solo i Beach Boys; ma l’amore  che cantano è meno drogato, meno malato, ha meno a che fare con le siringhe e più con caffè e sigarette.

E’ come avessero trovato una luce nel tunnel in cui sono nati; meno disperazione, meno maledizione. La purezza non abita qui, ma questo disco è un infinito tendere verso di essa.

Perdono furia, certo. Guadagnano melodie, sozzissime ma pur sempre tonde, e pure contagiose. Mantengono una vocazione disturbata e lisergica (vedi la coda di Hung Up On A Flower), che discende direttamente dai Velvet Underground – privati di tutta la loro sensualità.

E quella copertina: impossibile non pensare a Morrissey e i suoi fiori sbattuti in giro. Ma il protagonista è nudo, spogliato di ogni poesia e carico di carnalità.

0 comments on “Crocodiles – Endless Flowers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *