Appunti Featured

The Gathering Storm

11-TheAnswer-New_Horizon_2013__rgb_-L-14A poco a poco che si sale l’ampia scala a chiocciola dell’Arengario – nel cuore di Monza – la musica dei Pink Floyd si spande in loop nello spazio e rimbalza sulle pareti di questo palazzo del 1200, in modo perfettamente naturale.

E’ un piccolo trucco efficace, è pura ascensione: i visitatori vengono attirati, risucchiati verso l’alto nell’ampia sala che accoglie The Gathering Storm – Dai Pink Floyd ai Muse: le grandi copertine rock di Storm Thorgerson.

Un percorso attraverso il lavoro di un genio visionario, celebre per gli artwork delle opere dei Pink Floyd (a tal punto che dischi tipo AnimalsA Momentary Lapse of Reason vengono ricordati più per la loro grafica che per il reale contenuto – ed è giusto così), ma non solo.

Come ben testimonia questa mostra – che raccoglie non solo le immagini divenute celeberrime, ma bozzetti, studi, scatti pre editing, e il tutto ricavato da negativi originali approvati dall’artista stesso – Storm Thorgerson ha sempre lavorato per moltissimi: dai Genesis (The Lamb Lies Down On Broadway) ai Led Zeppelin (Presence), dai Catherine Wheel (Adam And Eve) ai Cramberries (Bury The Hatchet e Wake Up And Smell The Coffe), Muse (Absolution), fino – recentissimamente – ai Biffy Clyro (su tutti: l’ultimo Opposites e il precedente Only Revolutions).

10-BiffyClyro-Opposite_Roses_-_2013__rgb_-L-5Ha impreziosito molti con la sua pura (e molto spesso dispendiosa) immaginazione e amava dire di sé: «150 milioni di persone hanno in casa una mia opera, ma non sanno chi io sia».

In realtà la sua eredità è pesantissima, ed in un mondo dominato (e oramai per lunghi tratti assuefatto) dal digitale è sorprendente vederlo lavorare alla copertina di Echoes (il best of dei Floyd datato 2001) con una macchina fotografica analogica, dirigendo i personaggi e le loro movenze come un regista.

Questa mostra, gratuita e che durerà fino al 7 settembre prossimo, aperta dalle 17:30 alle 23:00, rende giusto omaggio alla follia di un compagno di studi di Syd Barrett e Roger Waters, fedele fino alla morte al suo ideale: l’immagine artistica prevale su tutto – sui soldi e sul passare del tempo anzitutto.

E a proposito: The Gathering Storm è un’ottimo preludio alla mostra The Pink Floyd Exhibition – Their Mortal Remains, in scena alla Fabbrica Del Vapore a Milano dal 19 settembre al 18 gennaio 2015.

Muse-Absolution(2003)

0 comments on “The Gathering Storm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *