Dischi Featured

James Blake – James Blake

James-Blake-ALbum-300x300Del disco di debutto di James Blake s’è detto di tutto, molti hanno già gridato al capolavoro.

Sarà per l’inedita dimestichezza nel dosaggio della voce soul (è vero, a tratti sembra di sentire Antony Hegarty) e delle morbide dissonanze elettroniche, e nell’intensità che questo mix trasuda.

Sarà che Limit To Your Love è riuscita a trovare spazio pure nelle radio commerciali (rendendo almeno un po’ giustizia a Feist) pur non essendo una botta d’allegria fm, o che Wilhelms Scream strappa lacrime anche al più granitico di noi.

Ma James Blake (che già dal nome è uno che sa il fatto suo) abbandona ogni ritmica più spinta e mette da parte le sonorità che avevano fatto saltare sulla sedia ascoltando l’ep CMYK lo scorso anno, e costruisce un album intero denso di dolore, atmosfera minimale e voci camuffate.

Tanto piega l’elettronica al soul che sembra di ascoltare una sorta di I Am A Bird Now in chiave dubstep; ma difficilmente questo album reggerà la prova del secondo ascolto, se davvero non siete predisposti (ma la merita).

0 comments on “James Blake – James Blake

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *