Featured Video

Video: un incredibile lost weekend con i Van Halen!

Nulla potrà mai rappresentare meglio il sentimento che si prova nei confronti del funambolico hair metal dei Van Halen del modo in cui Max Collini sputa fuori il loro nome in Robespierre.

Ma quella band, stilizzazione perfetta di un certo stile americano degli anni ’80, godeva di un seguito enorme, genuino e di un successo altrettanto stratosferico. E ovviamente viveva in pieno il motto sex & drugs & rock’n’roll.

Era il 1984 e MTV organizzò il concorso Lost Weekend: Partying With Van Halen: era sufficiente spedire una cartolina per avere la possibilità di vivere 48 ore con i Van Halen e come i Van Halen. Arrivarono più di un milione di cartoline e tra tutte fu estratta quella di Kurt Jefferis da Phoenixville, Pennsylvania.

Un ragazzo abbastanza sfigato, dalla provincia sfigata, improvvisamente catapultato nel jet-set del rock’n’roll; Kurt non ci penso a lungo e decise di lasciare a casa la fidanzata, portare con sé il suo miglior amico e lanciarsi nell’avventura di una vita. Nessuna limitazione, accesso completo al circo dei Van Halen e ai relativi eccessi: una roba impossibile ed impensabile oggigiorno.

Una vicenda da consegnare alla storia e che oggi viene narrata in questa nuova serie 60 Second Docs, che promette benissimo.