Dischi Featured

Omar Souleyman – Shlon

Di Omar Souleyman avevamo un po’ perso le tracce dopo il debutto Wenu Wenu.

Meraviglioso ritrovarlo oggi – due album più tardi – in forma stratosferica pur se (immaginiamo) con il cuore a pezzi per tutto quello che la sua Siria ha dovuto sopportare nel frattempo e ancora sopporta.

Ma la forza di Souleyman è sta nell’attitudine gioiosa e prosperosa che lo animava allora e che continua ad animarlo adesso: Shlon è un turbinio al quale è impossibile resistere.

Mezz’ora e poco più, sei tracce per correre a perdifiato nel deserto o attraverso Central Park, comunque senza sentire la fatica.

È techno music mischiata con suoni mediorientali, che raggiunge il suo zenith in She Tridin e  3tini 7obba e che si prende una pausa simil-spirituale solo in Mawwal.

Non abbiamo idea di cosa Souleyman stia declamando, prendiamo atto che sarebbero poesie d’amore scritte dal suo collaboratore Moussa Al Mardood. Fossero anche altro, sembra comunque un’energia positiva di cui si aveva un gran bisogno.

Come il precedente To Syria, With Love, anche Shlon è fuori per la Mad Decent di Diplo. E scusate se è poco.