Dischi Featured

Sandro Perri – Soft Landing

La cosa più incredibile di questo nuovo capitolo dell’avventura musicale di Sandro Perri sono le chitarre: Soft Landing è costruito attorno alle loro trame tenui e sinuose, che lo rendono un meraviglioso bozzetto soft rock di matrice seventies.

Sei brani meditabondi sullo scorrere del tempo (cronologico, metereologico) e sui suoi effetti, animati da una vitalità gentile nella quale è molto facile sciogliersi.

Il lavoro di Sandro Perri sulla sei corde non ha a che fare con il virtuosismo, quanto piuttosto con l’espressività; in Soft Landing libera la sua tecnica sulla brezza tesa lungo la fine della giornata.

Wrong About The Rain è un soft funk che sta da qualche parte tra Stevie Wonder e Dennis Wilson; dopo quattro minuti o poco più, l’iniziale Time (You Got Me) diventa un lungo susseguirsi di scintillii free form; Floriana era title track sono due strumentali docili che resuscitano i fasti di Carlos Santana e Peter Green.

Per quanto strabiliante, Soft Landing rimarrà una parentesi: Sandro Perri, eclettico, starà già indirizzando altrove il suo multiforme ingegno.