Dischi Featured

The Flaming Lips – Transmissions From The Satellite Heart

transmissions from the satellite heartTransmissions From The Satellite Heart, pubblicato nel 1993, di per sé non è un album imprescindibile.

Offre, questo sì, la personalissima visione dei Flaming Lips (ormai accasatisi alla Warner), dell’alternative americano dei primi anni ’90.

In più, dopo anni di militanza, acidi e stranezze varie, contiene la prima hit di Wayne Coyne e compari, She Don’t Use Jelly, che si basa su certe dinamiche piano – forte di stampo nirvaniano, e fa così: conosco una ragazza / che pensa ai fantasmi / ti preparerà la colazione / ti farà un toast / ma non ci mette il burro / e nemmeno il formaggio / non usa gelatina / ma usa vaselina, e su questo tono continua (il ragazzo che si soffia il naso usando riviste, e quell’amica che sembra Cher che continua a cambiare colore di capelli: abbiamo ricontrollato, e a distanza di vent’anni è ancora così).

Fu peraltro un successo a scoppio ritardato, perché arrivò solo l’anno successivo alla pubblicazione del disco e (solo) perché MTV programmò il video durante Beavis and ButtHead (oh, gli anni ’90!).

Ancora, tra le stramberie a cui i Lips avevano abituato il loro pubblico, Transmissions.. contiene una traccia intitolata ★★★★★★★: altro non è che un bozzetto folk umoristico registrato ne ’62 dai Goldcoast Singers, normalmente intitolato Plastic Jesus.

L’album è un concentrato di suoni sghembi (tipo Chewing The Apple Of Your Eye, che sembra provenire da un vinile), scorribande stonate nell’indie rock (Superhumans, When Yer Twenty Two, Turn It On), improvvisi cambi di tono e riverberi (Oh My Pregnant Head), con le chitarre che spesso martellano e (soprattutto) stridono.

Soprattutto, Transmissions From The Satellite Heart è l’album della svolta nella compagine dei Lips, via Jonathan Donahue (che si dedicherà a tempo pieno ai Mercury Rev) e Nathan Roberts, entrano in formazione Ronald Jones (che durerà poco) e Steven Drods (che è ancora lì).

Ma il bello, per i Flaming Lips, doveva ancora arrivare.

0 comments on “The Flaming Lips – Transmissions From The Satellite Heart

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *